fondo professioni

Può essere applicata l’IVA al 10 % per le colonnine di ricarica dei veicoli elettrici solo se collegate all’impianto fotovoltaico: è quanto stabilito dall’Agenzia delle Entrate con la risposta d’interpello n. 218 del 14 luglio 2020.

La società installatrice sia dell’impianto fotovoltaico sia della colonnina di ricarica, ha chiesto all’Agenzia delle Entrate se l’installazione della colonnina:

  • segua la stessa aliquota IVA ridotta del 10 per cento dell’impianto fotovoltaico;
  • sia soggetta all’aliquota IVA del 10 per cento di cui alla Tabella A, parte III, n. 127- quinquies) del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633 (in breve, “Decreto IVA”);
  • sia soggetta all’aliquota IVA ordinaria del 22 per cento.

Nel merito, l’Agenzia delle Entrate chiarisce che:

  • “se le colonnine di ricarica sono fornite e installate dal Contribuente unitamente all’impianto fotovoltaico, in modo da costituire un tutt’uno, magari nell’ambito di un contratto di appalto – circostanza verosimile in base a quanto decritto nell’istanza – la relativa fornitura beneficerà dell’aliquota IVA del 10 per cento, prevista per «gli impianti di produzione e reti di distribuzione calore-energia e di energia elettrica da fonte solare-fotovoltaica ed eolica», ai sensi rispettivamente dei numeri 127- quinquies) e 127-septies) del Decreto IVA.”
  • “ Nella diversa ipotesi in cui la colonnina sia installata autonomamente rispetto all’impianto fotovoltaico fornito dall’Istante, tonerà applicabile l’aliquota IVA ordinaria, fermo restando l’eventuale detrazione ai fini delle imposte dirette.
  • Si precisa, infine, che le suesposte considerazioni si applicano anche alla ipotesi in cui le colonnine di ricarica siano fornite ed installate dalla Società a favore di un soggetto con partita IVA per ricaricare i propri mezzi aziendali o strumentali.”

per approfondimento:

confedertecnica