fondo professioni

Con una lettera indirizzata al Presidente del Consiglio, al Ministro  dell’Economia e delle Finanze e al Ministero del Lavoro, Federarchitetti ha richiesto di dare indicazioni di massima sui tempi e sulle procedure previste per l’erogazione dell’indennità di ultima istanza di 1.000 euro del mese di maggio.

La chiusura delle attività nei mesi di marzo, aprile e maggio, in conseguenza della pandemia da COVID-19, sta avendo i suoi effetti economici negativi sulla categoria degli architetti ed ingegneri liberi professionisti  già in questi primi mesi d’estate e si prevede un peggioramento con l’inizio dell’autunno se non saranno presi, da parte del Governo, provvedimenti a favore del settore.

Ad oggi, i liberi professionisti, non hanno avuto la stessa attenzione delle altre attività produttive del Paese. In particolare:

–  non sono stati inclusi nell’erogazione del contributo a fondo perduto del Decreto Rilancio di cui alla Legge n. 77/2020;

– non hanno ricevuto il bonus di maggio da euro mille previsto dal Decreto CurItalia di cui alla legge n. 27/2020;

– non hanno ancora avuto approvate, dai ministeri vigilanti, le misure da cento milioni di euro varate dai delegati  INARCASSA  nel Comitato dell’11 e 12 maggio scorsi.

Dopo quasi tre mesi dalla ripresa delle attività il SILENZIO ASSORDANTE è calato sulle misure adottate per il settore.

confedertecnica
Articolo precedenteINARCASSA: SCADE IL 31 LUGLIO LA POSSIBILITA’ DI RICHIEDERE LA DEROGA AL CONTRIBUTO SOGGETTIVO MINIMO
Articolo successivoDAL MINISTERO DELL’INTERNO LE MODALITA’ PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE PUBBLICHE